Orologi Da Polso Professionali Multipla Fuso Orario Watch Time Uomini Gemellare Orologi Uomini Sport Analogici Led Digital Top Mens Completa Quartz Steel All'ingrosso Da Good Roiexx, $87.44 Su It.Dhgate.Com | Dhgate Orologi poco costosi di replica all'ingrosso

Orologi da polso professionali multipla fuso orario Watch Time Uomini gemellare Orologi Uomini Sport analogici LED Digital Top Mens completa Quartz Steel Store-wide Discount US $ 80.44 - 105.15 / Pezzo ( EUR € 73.41 ~ 95.96 / Pezzo ) Valuta di Riferimento Prezzo Scontato: US $87.44 -114.29 / Pezzo Solo APP Non hai l’APP? Ottienilo Gratis Hai già l’APP ? Effettua la scansione Codice QR del prodotto per risparmiare di più OR Segui i passi sotto descritti : 1. Accedi DHgate.com ed aggiungi il prodotto al "carrello" o "I miei preferiti". 2. Apri l’APP DHgate, e clicca su "Carrello" o "I miei preferiti" per trovare il prodotto aggiunto. (After discount) 1 + US $105.15 US $114.29 2 + US $99.89 US $108.58 4 + US $83.38 US $90.63 12 + US $81.68 US $88.78 57 + US $80.85 US $87.88 115 + US $80.44 US $87.44 Wholesale
Price ( Pezzo ) : Pezzo Questa specificazione al momento non guarda-tv-uk-rid-6669043.html. garuda indonesia uk check in onlineè disponibile Quantità : US $0.00 Spedizione Gratuita a Stati Uniti Via ePacket Tempo di consegna stimato: Giu 29 e Lug 15, spedizione entro 6 giorni lavorativi I tempi di consegna potranno subire variazioni per le seguenti cause: Locazione del venditore. Il corriere selezionato. La data del pagamento confermato. Il tempo di elaborazione per la personalizzazione degli articoli. I Giorni Lavorativi non includono: Sabato e domenica Le festività pubbliche Costi di Spedizione: - US $ Sconto ingrosso US $105.15 ( EUR € 95.96 ) Costo Totale:

Questo articolo non può essere spedito a Stati Uniti, Prego contatta il venditore per risolvere questo.

Seleziona Aggiungi a Articoli Preferiti ( ) Già aggiunto al cartello sorry,for a reason unknown,temporarily good-roiexx can't take your order(s). To solve the problem,you may contact good-roiexx . Ottieni un Buono da $5 $5 meno su $100+ Scadenza Coupon: 2017-06-26 Rilasciato/Totale: 8/200 Note: * Un coupon per ogni singolo ordine, escluso costo di trasporto. Promozione del Negozio:

Servizio garantito

Consegna tempestiva Marca cinese Qualità della merce Certificazione sul campo DH bagagli Consegna puntuale entro 26 giorni Garanzia del Venditore:
Orologi poco costosi di replica all'ingrosso

Orologi economici uk
marche orologi uomo eleganti
Orologi svizzeri di alta qualità 1a
omega orologio oro anni 50
orologio omega constellation oro In particolare, la procedura consente l'acquisizione, la trasmissione, l'aggiornamento, il rinnovo e la consultazione di istanze nazionali e dell'Unione.   La tabella che segue, di fonte Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, riporta l'elenco delle aziende che hanno fatto domanda di tutela doganale in Italia ai sensi del Regolamento (UE) n. 608/2013 dal 2014 ad oggi.

Pag. 15 DOMANDE DI TUTELA DOGANALE CON VOCE «CALZATURE» PRESENTATE IN ITALIA COMPAR S.P.A. COLUMBIA SPORTWEAR COMPANY TBL LICENSING LLC VIBRAM S.P.A. GIORGIO ARMANI S.P.A. DSQUARED TM SA MOSCHINO S.P.A. CHRISTIAN LUOBOUTIN S.A.S. VALENTINO S.P.A. NBA PROPERTIES INC. FIORANGELO S.R.L. YVES SAINT LAURENT HEARTS HOLDING INC. SPORTWEAR COMPANY S.P.A. MINICONF S.R.L. BACI & ABBRACCI COLLEZIONI S.R.L. MAGLITAL S.R.L. PLAYBOY ENTERPRISES INTERNATIONAL INC. COLUMBIA SPORTWEAR COMPANY CHAMPION PRODUCTS EUROPE LIMITED THE H.D. LEE COMPANY, INC SEVEN FOR ALLAMANKIND, LLV PUMA ITALIA SRL TOD'S SPA LOTTO SPORT ITALIA SPA VIBRAM SPA CROCS, INC CARHARTT INC.

  Ulteriori progressi potranno essere fatti potenziando la collaborazione con altri organismi ed Istituzioni impegnati nel contrasto alla contraffazione, sia in ambito nazionale, sia in raccordo nelle sedi europee competenti (OLAF ed Eurojust) con le Dogane europee.

4.2. Il ruolo della Guardia di Finanza.

  La Guardia di Finanza ha fornito alla Commissione un'analisi basata sulle esperienze delle operazioni direttamente condotte sul campo. Tra i settori maggiormente danneggiati dal fenomeno contraffattivo oltre a quello del tessile della moda vi sono le calzature.   L'esperienza operativa maturata dai Reparti della Guardia di Finanza ha evidenziato una notevole estensione e diversificazione dei prodotti oggetto delle condotte illecite. Le Unità operative del Corpo, nel periodo gennaio 2011-ottobre 2014, hanno sottoposto a sequestro 3,1 milioni di calzature contraffatte. Pag. 16   Dai dati riportati di seguito emerge chiaramente come la contraffazione sia legata, in qualche modo, alla diffusione di prodotti che falsificano i grandi marchi tra i ceti medi o medio bassi della popolazione; il caso « Hogan» è emblematico: scarpe appartenenti ad un segmento alto del settore calzaturiero sono ormai diffuse capillarmente su tutto il territorio nazionale e per ogni classe sociale, con un alta incidenza dei prodotti contraffatti.   La tabella che segue mostra l'andamento dei sequestri effettuati dalla Guardia di Finanza nel 2014 per i principali marchi nel settore calzaturiero:

SEQUESTRI DEI PRINCIPALI MARCHI DI CALZATURE Periodo gennaio – ottobre 2014 Marchio Numero articoli sequestrati Marchio Numero articoli sequestrati Havaianas 133957 New Balance 2568 Hogan 110804 Fred Perry 2250 Nike 69557 Nuna Lie 2160 Adidas 54477 Prima Donna 1800 Louis Vuitton 43821 Valleverde 1683 Venezia 25810 Gucci 1501 Crocs 15032 Calvin Klein 1431 Motor Oil 11610 Converse All Star 1375 Carlo Pazolini 9008 Ecosanit 1263 Vero cuoio 8384 Polo Ralph Lauren 1200 Lacoste 5178 Tommy Hilfiger 1177 Pugatti (Bugatti) 2616

Fonte: Guardia di Finanza.

  La tabella che segue riporta l'elenco e i tratti salienti di alcune delle principali operazioni di servizio condotte dalla Guardia di Finanza nel settore in argomento tra il 2013 e il 2015.

Anno 2013 Operazione «TRANDY SHOES» Il Comando Provinciale di Roma, nel corso del mese di novembre durante un servizio di controllo economico del territorio, ha sequestrato 45.000 calzature contraffatte con marchio « Adidas ,» « Hogan » e « Nike » all'interno di un capannone nella zona di Fiano Romano. I prodotti erano giunti nel sito a bordo di un autoarticolato con targa bulgara, seguito da un'autovettura condotta da un soggetto di origine magrebina che, dopo aver affiancato il mezzo nei pressi dell'uscita autostradale di Fiano Romano, lo ha condotto nel deposito. Al termine dell'operazione sono state denunciate 2 persone all'Autorità Giudiziaria. Pag. 17 Anno 2014 Operazione «BEAR FEET» Il Gruppo di Venezia, nel mese di marzo, a seguito di un sequestro di calzature contraffatte effettuato nei confronti di un venditore al minuto, ha individuato 2 laboratori clandestini per la produzione della merce contraffatta. All'interno del primo erano stoccati, oltre prodotti già finiti e pronti per la commercializzazione, anche semilavorati ed altro materiale griffato utilizzato per il successivo confezionamento all'interno del secondo opificio, ove era ultimata la realizzazione di prodotti semilavorati. Complessivamente sono state sottoposte a sequestro 12.264 calzature con marchio « Gucci », 2 opifici, 2 macchinari utilizzati per la produzione e denunciati 2 soggetti all'Autorità Giudiziaria. Operazione «JCO REPLICA» Nel mese di aprile il Gruppo di Taranto operante nel locale scalo portuale ha intercettato 5 containers provenienti dalla Cina e destinati ad un'azienda in provincia di Ancona. Nel corso del controllo, sono state rinvenute e sequestrate 133.000 paia di calzature recanti il marchio « Havaianas » contraffatto. Il valore della merce è stato stimato in 1,3 milioni di euro. Operazione del Nucleo di polizia tributaria di Caserta Il Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta, nel mese di luglio, ha scoperto un opificio clandestino a Sant'Anastasia, in provincia di Napoli, attrezzato per la produzione di calzature recanti il marchio « Hogan » contraffatto. Dopo le fasi di lavorazione, i prodotti finiti erano stoccati in un deposito di Marigliano, ricavato all'interno di un'area di ricovero di autobus e mezzi pesanti. All'esito dell'intervento, sono stati sottoposti a sequestro, 18 macchinari utilizzati per la linea di produzione, 2 cliché e 1.100 paia di calzature di ottima fattura, complete di scatole, buste e degli altri particolari presenti nelle confezioni originali, tra cui, addirittura le etichette adesive con i codici a barre. Il titolare dell'attività e 11 soggetti sorpresi nelle operazioni di lavorazione del prodotto sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola. Operazione della Compagnia di Capua Nel mese di luglio la Compagnia di Capua ha scoperto una fabbrica clandestina a Mugnano di Napoli, di oltre 150 metri quadrati, all'interno della quale sono stati rinvenuti 18 macchinari tutti in funzione, 26 cliché di metallo e circa 30.000 pezzi tra scarpe e accessori vari, tutti recanti il marchio contraffatto « Hogan ». Al momento dell'irruzione, sono stati sorpresi, in flagranza di reato e intenti nella lavorazione delle calzature, 3 soggetti, tutti originari di paesi della provincia di Napoli che sono stati tratti in arresto e posti a disposizione della competente Procura della Repubblica. Pag. 18 Operazione della Compagnia di Trani Nel settembre la Compagnia di Trani, al termine di una articolata attività di polizia giudiziaria, ha sequestrato un opificio industriale di circa 600 metri quadrati ubicato nel casertano, ove era operante una catena industriale costituita da 26 macchinari, utilizzati, tra l'altro, per la produzione di calzature riproducenti il marchio « Hogan ». Nello stabilimento, al momento dell'intervento, era in fase di produzione un lotto di 3.500 paia di scarpe. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati complessivamente 11.500 pezzi, costituiti da calzature, capi di abbigliamento ed accessori vari; sono stati altresì denunciati all'Autorità Giudiziaria 7 responsabili, di nazionalità italiana. Operazione del Gruppo di Brindisi Nel mese di settembre il Gruppo di Brindisi operante nel locale scalo portuale, ha sottoposto a ispezione doganale un camion proveniente dalla Grecia, rinvenendo al suo interno numerosi cartoni contenenti calzature riportanti i marchi « Carlo Pazolini » e « Made in Italy » tutti con numerazione sostituibile per stampigliare falsi numeri seriali sulla merce contraffatta. I successivi accertamenti, anche di natura contabile, hanno permesso di accertare la contraffazione delle citate griffe nonché di rinvenire 4 cliché riportanti le scritte «Esprit» e « Carlo Pazolini» tutti con numerazione sostituibile per stampigliare falsi numeri seriali sulla merce contraffatta. Complessivamente sono state sequestrate 4.504 paia di calzature recanti marchi contraffatti. Operazione della Compagnia di Civitanova Marche La Compagnia di Civitanova Marche nel mese di settembre ha sottoposto a ispezione doganale un container proveniente dalla Cina contenente 8.502 paia di scarpe da bambino recanti il marchio « motor oil ». I contatti intrapresi con la società inglese titolare della griffe hanno permesso di accertare la mancanza di autorizzazione da parte della società importatrice all'utilizzo e alla riproduzione del citato marchio. Oltre a quelle rinvenute all'interno del container, sono state sequestrate altre 3.108 paia di calzature stoccate all'interno dei magazzini della citata ditta importatrice per complessive 11.160 paia. Operazione della Compagnia di Casalnuovo di Napoli La Compagnia di Casalnuovo di Napoli nel mese di settembre ha concluso una articolata attività di indagine nel settore della contraffazione di articoli di moda che ha portato, tra l'altro, al sequestro di un ingente quantitativo di prodotti semilavorati contraffatti con marchio «Hogan», di 1 opificio e di 19 macchinari industriali ed attrezzature necessarie per la produzione delle calzature. L'intero ciclo produttivo veniva eseguito all'interno di un attrezzato opificio di 400 metri quadrati sito nel Pag. 19   capoluogo campano all'interno del quale, al momento dell'intervento, sono state individuate 11 persone intente alla lavorazione delle calzature. Al termine dell'indagine sono state denunciate all'Autorità giudiziaria 12 soggetti membri dell'organizzazione e tratto in arresto il responsabile dell'opificio. Operazione del Gruppo di Bari Nel mese di ottobre il Gruppo di Bari, operante nel locale scalo portuale, ha individuato un autoarticolato proveniente dall'Albania e destinato ad una azienda della provincia di Bergamo. Nel corso del controllo dell'automezzo, selezionato a seguito di una analisi della documentazione di accompagnamento, sono state rinvenute e sequestrate 1.683 paia di calzature riportanti illecitamente il marchio « Valleverde». Operazione del Gruppo di Fiumicino Nell'ottobre il Gruppo di Fiumicino ha sequestrato oltre 55.000 paia di calzature di ottima fattura con marchi contraffatti « Hogan » e « Adidas» , confezionate in 3 distinti opifici clandestini ubicati nella provincia di Napoli, all'interno dei quali erano installati 39 macchinari produttivi di ultima generazione. Le indagini hanno percorso a ritroso la filiera del falso e, con l'ausilio di intercettazioni telefoniche ed ambientali, hanno portato all'individuazione di diversi anelli organizzativi che gestivano le fasi della produzione e della distribuzione dei prodotti illeciti, organizzati attraverso ramificazioni commerciali nel Lazio e nel meridione d'Italia. A conclusione dell'attività investigativa sono state eseguite 10 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei responsabili ed è stato operato il sequestro per equivalente di beni mobili ed immobili per un valore complessivo pari a 2 milioni di euro. Nel giugno 2014, il Gruppo ha poi concluso una complessa attività investigativa nel settore della contraffazione di articoli di moda, che ha portato, tra l'altro, al sequestro di 62.000 pezzi tra calzature e semilavorati contraffatti con marchio « Hogan », di 2 stampi in alluminio per la realizzazione dell'impronta falsificata e di 57 macchinari industriali ed attrezzature utilizzate per la produzione. Nella circostanza, è poi emerso che il ciclo produttivo delle calzature era ripartito in 3 distinti laboratori ubicati nella provincia di Napoli, rispettivamente utilizzati per il confezionamento delle tomaie, delle suole e del prodotto finito. Le scarpe, pronte per la distribuzione, ed il materiale di consumo (etichette, cartellini, solette, etc.) erano invece custodite in un magazzino sito nel capoluogo campano. Al termine dell'indagine, sono state denunciati all'Autorità Giudiziaria 11 soggetti membri dell'organizzazione. Pag. 20 Operazione «Cina Import» Il nucleo di Polizia tributaria di Roma, al termine di una articolata indagine di iniziativa in materia di contraffazione marchi ha eseguito 2 perquisizioni nei confronti di altrettante imprese operanti nella vendita all'ingrosso di calzature a Roma e a Napoli. All'interno dei locali ispezionati sono state rinvenute e sottoposte a sequestro 37.464 paia di scarpe riproducenti i marchi « Adidas» «New Balance » e «Hogan» contraffatti. Sono state altresì denunciate all'Autorità Giudiziaria i titolari delle imprese di nazionalità cinese. Operazione del Gruppo di Catania Il Gruppo di Catania, nel corso del mese di novembre, ha sottoposto a sequestro 2.100 paia di scarpe contraffatte, denunciando all'Autorità Giudiziaria 2 cittadini italiani. L'operazione, scaturita dagli ordinari controlli sul territorio, ha dapprima consentito di intercettare un carico di oltre 1.300 paia di calzature con marchio «Hogan» contraffatto e successivamente di individuare il canale di approvvigionamento e quindi il deposito all'interno del quale sono state rinvenute altre 800 paia di scarpe con lo stesso marchio contraffatto. Operazione della Compagnia di Rieti La Compagnia di Rieti, nel corso del mese di novembre, nell'ambito di una attività di servizio in materia di sicurezza prodotti, ha sequestrato 1.460 paia di scarpe sprovviste delle informazioni minime previste del codice al consumo e 128 paia di stivali in gomma riportanti la falsa dicitura «Made in Italy» denunciando all'Autorità Giudiziaria un cittadino di nazionalità cinese titolare della ditta controllata. Anno 2015 Operazione del Gruppo di Salerno Il Gruppo di Salerno, nel mese di febbraio ha sottoposto a controllo, presso la sede di un vettore privato, 2 spedizioni di merci risultate contenere complessivamente 2.878 paia di calzature recanti i marchi « Nike » e « Adidas » contraffatti. Il soggetto recatosi presso la sede del corriere per ritirare la merce è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria. Operazione del Gruppo di Genova Nel mese di marzo il Gruppo di Genova operante nel locale scalo portuale, ha intercettato, in due distinte operazioni, 8 containers in transito provenienti dalla Giordania e destinati alla Libia. Nel corso del controllo dei containers, selezionati a seguito di una analisi della documentazione di accompagnamento, sono state rinvenute e sequestrate complessivamente 14.184 paia di calzature recanti i marchi « Gucci » « Honda » « Burberry » « Ferrari » « Angry Birds » e « Barbie » contraffatti. Operazione del Gruppo di Trieste Il Gruppo di Trieste, nel mese di marzo, nell'ambito di una attività di servizio di vigilanza doganale all'interno del locale porto, ha sottoposto a controllo un container proveniente dalla Cina e destinato alla Repubblica di San Marino all'interno del Pag. 21   quale sono state rinvenute 1.100 paia di calzature recanti sulla suola la dicitura «vero cuoio». A seguito di contatti con l'Unione Nazionale Industria Conciaria (UNIC), titolare esclusivo, i militari operanti hanno accertato la contraffazione del marchio riportato sulle calzature con conseguente applicazione della misura del sequestro.

  Uno dei sistemi di cui la Guardia di Finanza si avvale è il Sistema Informativo Anti-Contraffazione (S.I.A.C.), progetto cofinanziato dalla Commissione europea ed affidato al Corpo dal Ministero dell'Interno, per la prevenzione, ricerca e repressione delle violazioni in materia di marchi, brevetti, diritti d'autore, segni distintivi e modelli, relativamente al loro esercizio e sfruttamento economico.   Il sito web del S.I.A.C. è curato dal personale del Nucleo Speciale Tutela Mercati, alle dipendenze del Comando Reparti Speciali della Guardia di Finanza.   Per fronteggiare un fenomeno illecito multidimensionale e trasversale come quello della contraffazione è necessario «fare sistema» fra tutte le componenti istituzionali e gli attori impegnati nella lotta all'industria del falso. Partendo da questo presupposto, il progetto è stato realizzato come una piattaforma telematica plurifunzionale composta da diversi applicativi che assolvono le funzioni di:    • informazione per i consumatori;    • cooperazione tra gli attori istituzionali e, in particolare, tra le Forze di polizia e tra queste e le Polizie Municipali;    • collaborazione tra le componenti istituzionali e le aziende.

4.3. Il controllo dell'etichettatura.

  Il controllo dell'etichettatura implica diverse fasi di attività:    • il fabbricante, o suo rappresentante, con sede nel territorio dell'Unione, ovvero colui che introduce la merce sul mercato comunitario, ha l'obbligo di fornire l'etichetta ed è responsabile per l'esattezza delle informazioni in essa contenute;    • il venditore al dettaglio verifica la presenza dell'etichetta ed espone in modo chiaro e visibile il cartello con la simbologia;    • la vigilanza è attribuita al Ministero delle Attività Produttive, che la esercita tramite le Camere di Commercio;    • in caso di etichettatura non conforme o mancante, l'Autorità di vigilanza assegna al fabbricante un termine per la regolarizzazione, decorso inutilmente il quale, dispone il ritiro dal mercato delle calzature.

Pag. 22

4.4. Il contrasto in sede giudiziaria.

  In questo capitolo si riportano alcuni significativi interventi di contrasto in sede giudiziaria, al fine di analizzare il dettaglio di alcune delle indagini svolte e le criticità più significative emerse in tale occasione.

   a) Dal punto di vista dell'attività delle Procure va citata l'audizione del Procuratore Aggiunto della Repubblica di Napoli Fausto Zuccarelli (11) che ha messo in luce altri aspetti della contraffazione nel settore calzaturiero in rapporto ad indagini svolte da quella Procura, particolarmente attiva nel contrasto alla contraffazione del calzaturiero   Da questa audizione è emerso che la contraffazione in alcuni regioni, e in particolare in Campania, ha assunto, ormai da tempo, un valore di «ammortizzatore sociale» al posto del contrabbando di tabacchi lavorati esteri che ha caratterizzato tutti gli anni Settanta e Ottanta dello scorso secolo. Le novità del fenomeno, rispetto al recente passato, sono sostanzialmente tre:    • la prima è quella dello spostamento della fabbricazione del prodotto contraffatto da soggetti endogeni a soggetti esogeni, in particolar modo i player cinesi, che sempre di più sono presenti nella città di Napoli e nella relativa provincia e che, anzi, dominano e occupano una parte della città, che viene definita «area cinese»;    • la seconda è quella delle rotte della contraffazione: mentre fino a qualche tempo fa il porto di Napoli e quello di Gioia Tauro erano i principali luoghi di arrivo di containers di prodotti contraffatti provenienti dalla Cina o dall'estremo Oriente, attualmente questi porti sono soltanto di transito, poiché la merce contraffatta viene sempre più frequentemente introdotta nel territorio comunitario attraverso altri porti, non solo spagnoli e olandesi, ma anche inglesi, fenomeno del resto comune ad altri settori della contraffazione, quale il tessile;    • il terzo elemento è l'esponenziale aumento della commercializzazione di prodotti contraffatti via web , tema sicuramente molto insidioso.

  Le indagini hanno evidenziato una filiera produttiva di due tipi differenti: una nella quale viene importato, sempre in maniera illecita, materiale «neutro» che poi viene perfezionato in loco, l'altra, che possiamo chiamare «filiera endogena,» costituita per lo più da piccoli laboratori che falsificano marchi originali. Il mercato, in entrambi i casi, ovvero il destinatario finale, è il territorio italiano caratterizzato dalla presenza di mercati clandestini, venditori di strada e anche esercizi commerciali regolari dove non è da escludersi l'ipotesi di vendita di merce contraffatta insieme a prodotti legali.   Nell'anno 2014 (12) sono state sequestrate circa 15.000 paia di scarpe contraffatte, mentre nell'importazione dall'estero di calzature Pag. 23 vergini, ma destinate alla successiva contraffazione attraverso l'apposizione di loghi e marchi contraffatti, il numero dei sequestri è pari zero, poiché non è reato importare materiale neutro. Ciò che è più interessante è che nei primi quattro mesi del 2015 il numero delle calzature sequestrate, perché contraffatte, è stato di circa 9.000 paia. Rapportato ai 15.000 dell'anno precedente, il dato lascia intendere che il trend del prodotto commercializzato è sicuramente superiore per una percentuale di circa il 30 per cento.   Un altro dato da sottolineare è quello della pericolosità dei prodotti calzaturieri contraffatti: molto spesso nei prodotti sequestrati vengono rilevate sostanze pericolose in gran quantità quali colle, solventi e smacchiatori vietati dalle normative di settore.   Uno dei problemi che emergono nelle indagini di contraffazione, in generale ed in particolare per il calzaturiero ed altri merci voluminose per quantità e relativi imballaggi, è dato dalle difficoltà pratiche nello stoccaggio delle merci sequestrate e dal costo del deposito del materiale sequestrato, che si aggiunge al costo della distruzione, a quello dello smaltimento delle sostanze chimiche e a quello del «riutilizzo» da parte degli enti benefici, in tutti i casi dove la devoluzione è possibile per l'assenza di rischio per la salute e facilità di rimozione del marchio (delabellizzazione).   Non trascurabile è poi la gestione dei mezzi produttivi, costituiti da macchinari, computers e stampanti che, peraltro, potrebbero essere riutilizzati dalle forze di polizia che ne sono carenti.   Relativamente alla disciplina sanzionatoria è stata espressa la valutazione che la forma aggravata di contraffazione sistematica o organizzata di cui all'articolo 474- ter c.p., (13) che si colloca nel mezzo tra l'associazione a delinquere incompiuta e il perfezionamento della fabbricazione del prodotto contraffatto, potrebbe trovare una sua configurazione migliore come reato autonomo e, quindi, avere, da un lato, le classiche fattispecie previste dagli articoli 473 e del 474, dall'altro, il reato associativo, con tre o più soggetti che compiono questi reati e, come via mediana, una forma organizzata che individui quel crimine come reato autonomo. Questo consentirebbe di raggiungere l'obiettivo, ovvero una strutturazione normativa che consenta l'utilizzo di tecniche investigative quali, in particolare, le intercettazioni telefoniche e telematiche e di poter perseguire con maggior possibilità di successo indagini di carattere patrimoniale.   Relativamente alla contraffazione via web e al ruolo degli Internet Service Provider che, ai sensi del decreto legislativo n. 70/2003 sono sostanzialmente esonerati da ogni responsabilità, è stato ritenuto che sarebbe utile poter prevedere una nuova disciplina penale della contraffazione via web, con sanzioni che consentano l'utilizzo dell'intercettazione telematica, la quale diventa l'unico modo per poter risalire la filiera internazionale, atteso che, come è noto, i siti internet sono molto spesso attivati con l'utilizzo di generalità non veritiere e fuori dei confini nazionali.

   b) Altro spaccato interesse nel settore della contraffazione del calzaturiero è emersa dall'audizione in materia della Guardia di Pag. 24 Finanza (14), relativamente alle modalità di accesso di tali beni illegali presso lo scalo internazionale di Fiumicino.   Una delle principali necessità che la polizia giudiziaria deve soddisfare contestualmente al sequestro è quella dell'individuazione di idonee misure per la custodia della merce e va da sé che, in caso di sequestri di quantità particolarmente significative o di macchinari di lavorazioni o merce pericolosa, le difficoltà sono notevoli; una delle possibilità sulle quali magistratura e forze dell'ordine si muovono è verificare la disponibilità di caserme e altri locali idonei all'interno dei quali custodire i beni sequestrati.   Per quanto riguarda i filoni di indagine due sono stati i canali di approvvigionamento di calzature contraffatte destinate allo smercio, sia nella capitale che in altre città italiane: uno relativo ad articoli prodotti e confezionati in Cina ed introdotti illecitamente nel territorio dell'Unione in containers sdoganati prevalentemente in porti del nord Europa e successivamente trasportati in Italia attraverso trasporto su gomma, occultati da carichi di copertura; in un altro caso il flusso di calzature di alta qualità, principalmente di marca «Hogan», risultava prodotto in opifici abusivi della Campania. Dall'analisi dei dati raccolti si è ipotizzata l'esistenza di due distinti filoni: merce contraffatta di «bassa qualità» con approvvigionamento diretto dalla Cina e distribuita nel territorio nazionale tramite una rete di vendita composta prevalentemente da nord-africani e merce contraffatta di «qualità superiore» direttamente prodotta nell'hinterland napoletano tramite approvvigionamento della materia prima da canali extraeuropei e «labellizzata» in loco; è emerso inoltre che su questo canale vengono utilizzati macchinari molto costosi e addirittura stampi originali forniti, in via del tutto irregolare, da dipendenti infedeli della stessa ditta ufficiale.   Per l'investigazione dei contatti internazionali della filiera cinese della falsificazione si veda la ricostruzione degli esiti di un fermo ai varchi doganali di un cittadino cinese che trasportava nel bagaglio scarpe originali di varie marche complete di confezione e book fotografici di calzature di noti marchi, con appunti manoscritti in lingua cinese, che ha dato origine ad attività di polizia giudiziaria con pedinamenti e monitoraggio che ha portato a identificare il fermato come lo snodo per l'ordinazione dalla Cina di merce illegale, mentre altre persone coinvolte gestivano la rete distributiva sul mercato romano e la raccolta dei proventi illegali. Dalle intercettazioni telefoniche è stato possibile risalire al principale fornitore, di origine magrebina.

5. Il ruolo delle associazioni dei consumatori per il contrasto della contraffazione nel calzaturiero.

  I consumatori, attraverso l'importante azione delle associazioni, possono rappresentare un primo elemento di contrasto alla contraffazione, poiché suggeriscono alcune «accortezze» che poi, inevitabilmente, Pag.

louis vuitton outlet Currencies: € £ $

0 item(s) - $0.00

Now in your cart Shopping Cart Home Women Handbags Wallets Travel Belts Sunglasses Scarves Shoes Key Holders And Bag Charms Watches Men Handbags Wallets Travel Belts Sunglasses Scarves Shoes Watches Styles Louis Vuitton Alma Louis Vuitton Zippy Organizer Louis Vuitton Artsy Louis Vuitton Audacieuse Louis Vuitton Brea Louis Vuitton Chain Louise Louis Vuitton Citadine Louis Vuitton Delightful Louis Vuitton Doc Louis Vuitton Eden Louis Vuitton Estrela Louis Vuitton Evora Louis Vuitton Gaia Louis Vuitton Galliera Louis Vuitton GO-14 Louis Vuitton Kimono Louis Vuitton Lockit Louis Vuitton Lockme Louis Vuitton Marly Louis Vuitton Montaigne Louis Vuitton Neverfull Louis Vuitton Palermo Louis Vuitton Pallas Louis Vuitton Rendez-Vous Louis Vuitton Retiro Louis Vuitton SC Bag Louis Vuitton Siracusa Louis Vuitton Sistina Louis Vuitton Speedy Louis Vuitton Speedy Bandouliere 30 Louis Vuitton Tivoli Louis Vuitton Totally Louis Vuitton Tournon Louis Vuitton Twist Louis Vuitton Volta Louis Vuitton W Louis Vuitton Wilshire Louis Vuitton Zippy Wallet Best Sellers New Arrival Welcome to our Louis Vuitton outlet official online store.There are a variety of Louis Vuitton handbags in Louis Vuitton outlet official store.Now you will get the discount Louis Vuitton handbags and enjoy the leading service provided by our online Louis Vuitton handbags outlet sale shop.Best service here will content you.If you have any questions please contact us. A plenty of Louis Vuitton products ranging from small purses and wallets to larger pieces of luggage last for the end of this year.The universe is progressive,our Louis Vuitton Outlet is also changing itself no matter from the well-chosen quality or from the pre-service and after service.Louis Vuitton Outlet is becoming your dreamy online store.Now enjoy the shopping in our professional Louis Vuitton outlet online store. Featured +More....

Artsy MM

$374.98 $234.99

Capucines MM

$368.00 $220.99

Capucines MM

$368.00 $220.99

Capucines MM

$368.00 $220.99

Chain Louise

$348.00 $208.99

Louise

$343.00 $205.99

Louise

$343.00 $205.99

Neverfull GM

$366.65 $229.99

Pallas

$368.00 $220.99

W PM

$428.00 $256.99 Latest +More....

Zippy Wallet Graphic Print

$239.79 $148.96

Volta

$493.62 $248.96

Volta

$493.62 $248.96

Volta

$493.62 $248.96

Volta

$493.62 $248.96

Volta

$493.62 $248.96

Twist MM

$439.75 $218.99

Twist MM

$439.75 $218.99

Twist MM

$432.68 $212.85

Twist MM

$436.75 $216.85 USEFUL LINKS Return Policy | Payment & Shipping | Materials And Care | Site Map CUSTOMER SERVICE FAQ | Contact Us ABOUT Privacy Policy | Legal Notice Copyright © 2016 louis vuitton outlet .

\ n